Le cose, una rete a noi sconosciuta? z ';
01/10/2014

Le cose, una rete a noi sconosciuta?

553

Di Alessandro Ligas

Tecnologie

Quando tecnologie wireless saranno perfettamente sviluppate, l’intero pianeta si comporterà come un’unica grande mente. Una mente nella quale tutti gli elementi faranno parte di un insieme armonico e gli strumenti attraverso i quali saremo in grado di interagire con questa grande unica mente saranno sorprendentemente semplici. Ogni uomo ne potrà portare uno in tasca” (Nicola Tesla 1926)

 

Viviamo immersi in una realtà che, molto spesso, non conosciamo fino in fondo. Case, macchinanari, vasi, matite… oggetti che usiamo quotidianamente ma di cui raramente riusciamo a coglierne tutti gli aspetti e le mille sfaccettature. Molte di questi oggetti ci hanno cambiato la vita, hanno migliorato alcuni aspetti del nostro stare nel mondo mentre altri hanno migliorato il rapporto con gli altri e con noi stessi.

Abbiamo sempre pensato che gli oggetti che ci circondano fossero statici, come delle cose che cadono sotto i nostri sensi e non abbiamo mai pensato ad una loro reale evoluzione.

Ciò che realizza e sviluppa una società è l’incontro con l’altro, l’interagire con altri. La base dell’interazione con chi ci sta davanti è la comunicazione, attraverso la quale possiamo dire e capire l’altro. La comunicazione è quella rete che ci permette di vivere realmente nel mondo e nella quotidianità, è quel processo collaborativo e cooperativo che coinvolge più soggetti che li rende comunità, sistema.

Fare rete significa operare all’interno di un ambiente che favorisca l’incontro di più sistemi e che li metta in relazione. Un ambiente inteso sia come spazio fisico, come luogo all’interno del quale si cooperi ma anche come condizione generale dove tutti coloro che partecipano possano accedervi, di modo da poterlo vivere.

Con il passare del tempo e con lo sviluppo della tecnologica abbiamo esteso il concetto di rete realizzando sistemi di comunicazione a distanza, prima attraverso sistemi che facilitavano la comunicazione come strade e poi con reti fisiche come la rete telefonica e la rete internet ossia con una un’interconnessione globale tra reti informatiche diverse (interconnected networks). Mezzo che ci consente, oggi, di avere accesso ad una vasta gamma di contenuti e servizi e che rappresenta una vera e propria innovazione tecnologica e sociologica soprattutto dopo il boom dei social network.

L’evoluzione della rete oggi consiste nel mettere in relazione gli oggetti. L’automazione è stata uno dei primi passi che l’uomo ha compiuto per la creazione di una rete di oggetti. L’automazione è stato un percorso che ha permesso la gestione di macchine e processi, riducendo al minimo l’intervento dell’uomo. Possiamo dire che gli albori di questo fenomeno si possono far risalire alla rivoluzione industriale ossia a quel periodo storico in cui l’uomo ha introdotto un sistema industriale caratterizzato dall’uso generalizzato di macchine azionate da energia meccanica e dall’utilizzo di nuove fonti energetiche. Tutto ciò per l’esecuzione di operazioni ripetitive o complesse, ma anche per compiti dove è richiesta una sicurezza o certezza dell’azione o semplicemente per maggiore comodità. CONTINUA.... 

 

Per leggere l'articolo completo vai al sito cliccando su questo link ( http://trasferimentotec.wordpress.com ). 

 





Sponsor

Articoli correlati

Lascia un commento

Pubblicità
Risultati ad oggi
06/12/2019
Tot. Articoli letti 220809
Utenti on line N/D
Fan su Facebook 1889
Utenti registrati: 151
Seguici su Facebook
Eventi in vetrina
non ci sono eventi
Pubblicità