Alimentazione e dintorni. Il cibo: un nostro alleato.
Articoli letti 22512 - Fan su Facebook 1600 - Utenti registrati: 98

Trova nuovi eventi

Pubblicità

Alimentazione e dintorni. Il cibo: un nostro alleato.

Di Virginia Chessa

Dal 04/01/2018 Al 04/01/2018
104

Alimentazione

Quando si sente il termine Alimentazione si pensa automaticamente all’approvvigionamento di energia che ha luogo attraverso l’assunzione di cibi e bevande. Ma come gli alimenti si trasformano in energia? In che modo e che misura?

Chiariamo fin da subito che alimentarsi è certamente un bisogno primario, nella fattispecie, si può affermare che, in linea generale, un uomo in media ha bisogno di 2400 kcal. (che possono aumentare sino a 3000 in caso di un’intensa attività fisica), mentre una donna in media ha bisogno di 1700-1800 kcal. giornaliere, inoltre una sana alimentazione è in grado di migliorare la qualità della vita e il benessere psicofisico. Uno stile di vita sano e un’alimentazione equilibrata possono preservare da circa il 60% delle malattie di cui soffre la società occidentale.

La quantità del cibo non è sufficiente per avere una nutrizione adeguata.

Spesso al concetto di malnutrizione si associa un’idea di carenza di cibo, mentre è malnutrita anche una persona che, pur mangiando molto, si nutre male, privandosi di alcuni elementi essenziali. In realtà è sempre necessaria la presenza di altre sostanze, quali i carboidrati, i grassi e le proteine e altre sostanze, come gli elementi inorganici (ferro, rame, zinco, manganese, iodio) e le vitamine, le quali sono indispensabili per la crescita armonica dell’organismo.

Per esempio: lo iodio è componente principale della tiroxina, ormone secreto dalla tiroide; il ferro è invece contenuto nell’emoglobina e impedisce l’anemia.

Concludendo, sembra rilevante evidenziare come la dieta, intesa come stile di vita, debba essere considerata nei termini di ciò che è adeguato e ciò che viceversa è nocivo: una dieta bilanciata infatti permette di rimanere in salute, mentre un'alimentazione troppo rigida, scelta per ottenere uno stato fisico ideale (sovente ingannevole) minaccia di ledere assai gravemente l’organismo, soprattutto se perpetrata per un lungo periodo.


 


 





Articoli correlati

Lascia un commento

Pubblicità
Pubblicità
Seguici su Facebook
Sostieni
"La Testata"
su Okpal

Fondi donati
0/30000 €

Eventi in vetrina
non ci sono eventi
Ascolta
Pubblicità
Editoriale