Benvenuti al cinema: l'avventura di Pentamedia Management ';
Articoli letti 35667 - Fan su Facebook 1683 - Utenti registrati: 106
Sostienici

Trova nuovi eventi

Pubblicità

Benvenuti al cinema: l'avventura di Pentamedia Management

Di Marta Banditelli

450

Creativi sommersi

Come nasce un prodotto cinematografico?

Per rispondere a questa domanda ci siamo avvalsi del contributo di chi il cinema lo respira, lo vive, lo coltiva e lo sviluppa.

Angelica La Sala è amministratrice di Pentamedia Management srl, società che si occupa di produzione cinematografica, videoproduzione, servizi fotografici e molto altro ancora.

Chiediamo ad Angelica:

Quando nasce Pentamedia?

Pentamedia nasce ufficialmente nel 2013 ma viene attivata successivamente. Alla nascita è seguito un momento di riflessione, nel quale abbiamo avuto modo di far convergere professionalità e sinergie che mettiamo a servizio del cliente.

Quali e qunti servizi offre?

Oltre alla produzione video e foto si occupa anche di seguire gli attori e reperire i cast per le produzioni nelle quali operiamo. Abbiamo un database di attori dal quale attingiamo a seconda delle differenti esigenze, ed ampliamo costantemente la scelta valutando candidature sempre nuove. Di conseguenza offriamo opportunità di lavoro per attori, ma anche macchinisti, truccatori, tecnici luce e audio, e per tutte quelle figure professionalità che gravitano attorno al mondo del cinema, spesso difficili da reperire. Pentamedia quindi si propone come vera e propria agenzia di management.

Le produzioni delle quali vi occupate sono sia sarde che estere. Possiamo fare qualche esempio?

Attualmente stiamo portando avanti "The dope show", un progetto che si sviluppa in quatro paesi diversi, Messico, Stati Uniti,Inghilterra ed Italia. Per quanto riguarda la parte italiana ci stiamo muovendo per poter girare in Sardegna, ma questo è ancora in fase di realizzazione. Il progetto è in coproduzione con la Kalifilm Productions, società di prduzione cinematografica tedesca.

La Sardegna è sempre stata meta della cinematografia, ma spesso non le è stata resa sufficiente visibilità. In questo senso Pentamedia pensa di poter sviluppare il mercato cinematografico in Sardegna?

Abbiamo dei progetti importanti da fare in Sardegna, produzioni che avranno un grosso riscontro dal punto di vista visivo. Abbiamo una produzione da fare con i paesi esteri citati pocanzi, ed altri cinque progetti, con dei nomi noti nel cast artistico. Al momento non posso rivelare ulteriori dettagli. Quello che posso dire è che stiamo cercando di proporre dei prodotti sardi ben visibili anche all'estero, prodotti di respiro internazionale fatti in Sardegna.

Come avviene la progettazione e la realizzazione di un prodotto cinematografico?

Tutto nasce dall'idea, e questa può nascere ovunque. Da una chiacchierata, da qualcosa che si vede, da un'ispirazione estemporanea. Poi si sviluppa, e man mano che il progetto si sviluppa si valutano esiti sempre diversi; idee nuove, persone che si aggiungono al progetto, nuovi spunti creativi. E' un continuo disegno in corso d'opera.

Il cortometraggio di Salvatore Iantorno "Arcadia", candidato al premio David di Donatello, è una vostra produzione. Ti ha sorpresa questa candidatura?

Io devo dire la verità: non sono sorpresa. Se certe tematiche non venissero considerate in questi concorsi sarebbe davvero grave. Noi stiamo affrontando la tematica della S.L.A., una malattia terrificante che coinvolge in prima istanza il malato, ma non meno i suoi cari.

Quanto tempo è stato necessario per realizzare questo cortometraggio?

Molto poco, perchè tutti hanno amato il progetto sin da subito, ed hanno voluto lavorare perchè si realizzasse. Il cast è stato selezionato da Salvatore, e crediamo che il lavoro abbia grandissime potenzialità

Da quale ispirazione è nato "Arcadia", e come è legato alla Sardegna?

E' una storia che può essere raccontata ovunque, perchè parla di dolori familiari, casi di disabilità e smarrimento per una condizione che non concede scampo. Non è legato solo alla Sardegna, nonostante purtroppo nella nostra regione si registrino tanti casi di S.L.A. Si pensi ai casi di Salvatore Usala, o ad Andrea Turnu, in arte dj fanny, il più giovane malato di S.L.A. al mondo, che ultimamente ha lanciato un appello per poter partecipare come ospite al festival di San Remo.

Sono già in cantiere nuovi progetti cinematografici che vedranno protagonista la Pentamedia Management srl. Attori, cantanti, danzatori, artisti, tecnici e truccatori possono inviare i propri curricula a:

casting.pentamedia@gmail.com

 





Articoli correlati

Lascia un commento

Pubblicità
Seguici su Facebook
Pubblicità
Sostieni
"La Testata"
su Okpal

Fondi donati
0/30000 €

Eventi in vetrina
non ci sono eventi
Ascolta
Pubblicità
ASCOLTA IL PODCAST