Contamination Lab UniCa 2018 z ';
05/04/2018

Contamination Lab UniCa 2018

738

Di Giulia Palmas

Italia

Che cos'è?

Il Contamination Lab UniCa è un progetto rivolto agli studenti dell'università di Cagliari, che si pone come obiettivo quello di promuovere la cultura dell'imprenditorialità e dell'innovazione. Il nucleo è, appunto, la contaminazione. Questa permette ai partecipanti di creare in un ambiente fittizio un rapporto reciproco di influenze tra studenti, professori e attori terzi.

“Contaminazione è quello che abbiamo scoperto nel tempo attraverso la collaborazione tra tutti i team e attraverso quello che è l'idea imprenditoriale che ha spinto tutti fino alla fine di questo percorso” ci dice Matteo Lombardini, cofondatore, CMO e sales specialist di Glambnb.

Domenica 25 marzo 2018 si è tenuta al teatro lirico di Cagliari la finale della quinta edizione del CLab.

L'evento prende avvio con Maria Chiara di Guardo, prorettore al territorio e all'innovazione e responsabile, che spiega il tema del Clab 2018: i confini. L'innovazione non è data dalla genialità di una sola mente, ma da un percorso fatto di piccoli passi. Si concentra sugli adiacenti possibili e spiega che questi sono come le porte di una stanza in una casa, esplorandole e andando avanti la casa diventerà un palazzo. “Esplorare l'adiacente possibile significa anche inventare, combinare in maniera nuova le opportunità”, afferma. Il progetto vuole essere una scuola di immaginazione e la contaminazione non basta, il nucleo è la diversità delle idee che riscrive i confini.

Il professor Nimrod Kozlovski, esperto di Cyber security e Big data Tel Aviv University, espone un problema caro a molti, vale a dire la fiducia in internet e nei social media. Attraverso tre esempi, ci espone come ci siamo abituati a non credere più a nessuno o a credere a notizie imprecise o false (le fake-news). Ci troviamo dunque davanti a una crisi della fiducia.

 

I finalisti

Alberto Mondano, conduttore del TG1, presenta la serata: 6 startup finaliste, 7 minuti ciascuna per presentare le idee. Ogni azienda deve esporre la sua idea, il suo progetto e spiegare i suoi obiettivi di marketing.

EABlock si concentra sulla protezione dei dati delle imprese. Attraverso il suo utilizzo l'impresa può gestire i dati e i processi delle aziende in massima sicurezza, grazie a crittografia e Blockchain privata.

EFlavor propone un dispositivo in grado di valutare la sensibilità gustativa in meno di 15 minuti, permettendo la diagnosi precoce di patologie come obesità e tumori.

Emfores con Optimize Energy ci fa entratre nel mondo degli elettrodomestici intelligenti in modo da ottimizzare l'energia elettrica e abbassare i costi.

Glambnb è una piattaforma di campeggio di lusso, il glamping, in modo da ampliare questo fenomeno e abbattere i costi presenti in altri siti.

HiveGuard permette agli apicoltori di controllate le api grazie a un sensore posto all'interno delle arnie, arrivando a risparmiare il 50%.

Maga risolve i problemi di dentisti e pazienti, proponendo un apparecchio magnetico digitale che limita il dolore, le patologie ad esso legate e migliora l'impatto estetico.

 

Le premiazioni

Maria Del Zompo, rettore dell'università di Cagliari, ha istituito il premio rettore dal valore di 2500 euro, assegnato a Eflavor. “È una delle prime imprese del Contamination Lab che prende il nostro brevetto e che lavora su un aspetto biologico. È una bellissima idea che può solo crescere” dichiara il rettore.

Michela Mari, presidente dell'Associazione Alumni Clabbers UniCa, assegna il suo premio dal valore di 2000 euro a Maga Orthodontics.

Infine in seguito alla valutazione da parte della giuria, il vincitore della quinta edizione del Contamination Lab 2018 è Maga, che riceverà un premio di 20.000 euro. Seguono EABlock con 12.000 euro e Glambnb con 10.000 euro.

 

 





Sponsor

Articoli correlati

Lascia un commento

Pubblicità
-->
Risultati ad oggi
15/08/2018
Tot. Articoli letti 119407
Utenti on line N/D
Fan su Facebook 1889
Utenti registrati: 134
Seguici su Facebook
Pubblicità
?>