Giacomo Casanova, non solo avventuriero: a Venezia nasce il "Salotto Casanova" z ';
11/03/2018

Giacomo Casanova, non solo avventuriero: a Venezia nasce il "Salotto Casanova"

705

Di Marta Banditelli

Dal 02/04/2018 Al 02/04/2018

Mostre

Alla memoria di Giacomo Casanova(Venezia 2 aprile 1725-Duchov 4 giugno 1798) è legata perlopiù, nel sapere collettivo, l'immagine di uomo avventuriero e libertino. Tuttavia la sua produzione letteraria è ampia e variegata, tanto da poterlo definire, senza rischio d'esagerazione, scrittore, poeta, alchimista, diplomatico, e filosofo. Sopratutto fu cittadino della Repubblica di Venezia, della cui storia custodisce un'importante testimonianza nei suoi scritti.

In occasione della ricorrenza della sua nascita, il 2 aprile 2015, viene inaugurato primo centro culturale dedicato all'illustre veneziano nella sua città natale. Apre l'evento il Maestro Luigi Pistore, musicista, cultore e appassionato frequentatore di Giacomo Casanova, nonché fondatore dell’omonima Accademia.

Ed un altro importante appuntamento attende la città di Venezia durante il prossimo anniversario.


Il prossimo 2 aprile 2018 infatti aprirà le porte ai visitatori il “Salotto Casanova”. Il Casino Venier, ora sede dell’Alliance Française, unico salotto privato rimasto intatto, diventerà il luogo segreto dove si potrà incontrare Casanova un fine settimana al mese, conoscere da vicino la sua vita e, con essa, la storia della Venezia del Settecento. Al progetto parteciperanno elementi di spicco della cultura storica di Venezia, e saranno utilizzati ambienti e luoghi tipici della città di tradizione, quali il famoso Caffè Florian, che continuerà il suo destino di ritrovo, diventando momento conclusivo del Salotto. Il visitatore avrà la possibilità di visitare le stesse sontuose sale nelle quali si aggirava Casanova. Sarà anche possibile degustare, la famosa “Cioccolata Casanova”, una delle più apprezzate al mondo.

Ma le sorprese per il visitatore non finiscono qui.

Proprio nel corso dell’inaugurazione del Salotto il prossimo 2 aprile sarà esposto, in prima visione assoluta, un manoscritto con la grafia infantile di Casanova. Si tratta di alcune pagine di un quaderno del 1731, ritrovato recentemente dallo stesso Pistore ed ora in possesso di un autorevole collezionista genovese, Giuseppe Bignami. L'autenticità storica dei fogli [ stata certificata attraverso perizie grafologiche, grazie alle quali si è potuto appurare che il quaderno è stato usato da Giacomo Casanova all'eta di 6 anni e pochi mesi.

Il fautore del progetto, il M° Luigi Pistore, sottolinea l'intento divulgativo dell'iniziativa.

«Vogliamo divulgare e rivalutare nel modo più autentico un personaggio che è stato ingiustamente condannato alla sola fama di libertino, e che tuttora viene spesso “usato” commercialmente anche con iniziative discutibili. Per questo motivo ci avvaliamo della consulenza di studiosi e collezionisti di prim’ordine nel mondo casanoviano. La nostra Accademia, seppure ancor giovane, sta diventando anno dopo anno un punto di riferimento per i casanovisti che vogliano sempre più essere coinvolti nell’ambito dei “Cenacoli Casanoviani” da noi promossi, e magari fornire personali contributi culturali destinati a ravvivare una cultura non solo locale.»





Sponsor

Articoli correlati

Lascia un commento

Pubblicità
Risultati ad oggi
13/11/2018
Tot. Articoli letti 146062
Utenti on line N/D
Fan su Facebook 1889
Utenti registrati: 143
Seguici su Facebook
Eventi in vetrina
non ci sono eventi
Pubblicità