Rosalba Piras e Tiziano Polese in scena a Monserrato con L'Ultima Risata di Abaco Teatro z ';
14/03/2018

Rosalba Piras e Tiziano Polese in scena a Monserrato con L'Ultima Risata di Abaco Teatro

186

Segnalato con il form da: Mulan

Dal 18/03/2018 Al 18/03/2018

Teatro

La rassegna “Non ci resta che ridere” propone lo spettacolo che fa rivivere i famosi comici ebrei dagli anni ’20 all’avvento di Hitler

Domenica 18 marzo alle ore 20 il palcoscenico della Casa della Cultura a Monserrato, in via Giulio Cesare 37, vedrà in scena il nuovo spettacolo di Abaco Teatro dal titolo L’ULTIMA RISATA scritto, diretto e interpretato da Rosalba Piras e Tiziano Polese. I due artisti vestiranno i panni degli attori ebrei Max Ehrlich e Camilla Spira, famosissimi negli anni dal 1920 al 1943, e racconta le loro sorti e quelle di altri famosi comici ebrei ai quali si deve negli anni ‘30 la grandezza leggendaria del cabaret e dello spettacolo leggero mitteleuropeo, in particolare di quello berlinese.

In gran parte ebrei, come ebreo era il colore del loro umorismo, la sorte di questi artisti è segnata dall’avvento di Hitler al potere. Espulsi dai set e dai palcoscenici sui quali avevano primeggiato, le loro performance si replicano in condizioni sempre più dure. L’evocazione del repertorio storico è fatta di canzoni e balli yiddish, dal cabaret tedesco ricco di ballate, sketch degli anni ’30-’40 che i protagonisti interpretano cantando anche in lingua francese, tedesca e yiddish. Gli avvenimenti storici, la loro passione per il teatro, le loro testimonianze, il loro tormentato vissuto, sono scanditi anche dallo scambio di lettere che intercorreva fra i due artisti. I comici cabarettisti ebrei sono passati così dai palcoscenici di tutta Europa ai campi di concentramento di Westerbork, Theresienstadt e infine Auschwitz. L’originale scrittura è stata creata anche grazie alle ricerche di Lisa Peschel, la giovane storica polacca, che ha recentemente riportato alla luce i testi teatrali e di cabaret scritti e inscenati nel campo di Theresienstadt e nel Ghetto di Varsavia.

Lo spettacolo vede gli attori immersi in una scenografia in continua trasformazione grazie ai video interattivi a cura di Tonio Cireddu che propongono suggestive e divertenti immagini con musiche d’epoca completate dalle luci di Roberto Tuveri, i costumi di Dalila Exana, con il coordinamento di Manuela Orlando.

 





Sponsor

Articoli correlati

Lascia un commento

Pubblicità
Risultati ad oggi
14/12/2018
Tot. Articoli letti 156595
Utenti on line N/D
Fan su Facebook 1889
Utenti registrati: 148
Seguici su Facebook
Eventi in vetrina
non ci sono eventi
Pubblicità